result
La testa tra le nuvole: le illustrazioni di Riccardo Guasco.
Castellazzo Bormida (AL) • 51^ Galleria Gamondio • 24 giu - 09 lug 2017.

Siamo felici di annunciare il nostro patrocinio artistico all’esposizione personale di Riccardo Guasco – Rik –,  dal titolo “La testa tra le nuvole”, che sarà inaugurata il 24 giugno 2017 (ore 18.00) e rimarrà aperta fino al 9 luglio presso la chiesa di Santo Stefano, nel comune di Castellazzo Bormida (AL).

Il Comune di Castellazzo Bormida  infatti organizza la Cinquantunesima edizione della Galleria Gamondio, ospitando l’esposizione personale di Rik. L’evento ha ottenuto il patrocinio della regione Piemonte e della Provincia di Alessandria, oltre che il patrocinio artistico di Inchiostro Festival, Illustri, Print Club Torino e  di Italianism.

Riccardo Guasco (Alessandria, 1975) è illustratore e pittore. Ha collaborato con The New Yorker, Eni, TIM, Diesel, Rizzoli, Baldini & Castoldi, Poste Italiane, Campo Viejo, Giunti, Moleskine, Rapha, Thames & Hudson, DeAgostini, Sole24Ore, Emergency, Greenpeace, RAI e L’Espresso. Fa parte dell’organizzazione di Inchiostro Festival, che ogni primo weekend di giugno ospita ad Alessandria, nel chiostro medievale di Santa Maria di Castello, illustratori, calligrafi e stampatori d’arte.

Ama il ciclismo eroico, e si vede.

E’ un grande amico di Italianism, da sempre. La sua fiducia e generosità nei confronti del progetto è per noi motivo di orgoglio.

Chi segue la Galleria Gamondio ha potuto apprezzare negli anni l’esplosività dei colori di Ugo Nespolo, la giocosità di Gino Gavioli, l’arguzia di BORT, la raffinatezza di Paolo Piffarerio, la classe di Aldo Di Gennaro. Riccardo Guasco, nella sua dimensione fantasiosa e poliedrica, che ha fatto del colore e del sorriso le sue bandiere, si inserisce benissimo nella scia di chi lo ha preceduto.

La Galleria Gamondio, nata come collettiva nel 1966, ha cambiato più volte fisionomia fino ad ospitare dal 2009 mostre antologiche di illustratori di rilievo nazionale e internazionale. Lo spazio espositivo della chiesa di Santo Stefano, romanica e barocca, prevede quest’anno un allestimento in chiave più contemporanea.

Cristoforo Moretti, curatore della mostra, dice “Guasco, da vero funambolo evoca Balla, Depero, Crali, Mancioli. Omaggia Mondrian, Sironi, Malevich. Ma in tutte, tutte le sue opere l’ironia lieve, il rispetto, lo stupore dei personaggi o delle composizioni ci ricordano che stiamo guardando un artista con la testa tra le nuvole, sì, ma dalla personalità sicura e dall’equilibrio ben saldo, grato a quegli irraggiungibili maestri ma autorevole nel proporre la propria versione della bellezza che le due dimensioni possono creare. Sarà una gioia per gli occhi, una festa di stupori e di colori”.

Il catalogo, in tiratura limitata e in distribuzione gratuita, è ideato e realizzato dal Comune di Castellazzo Bormida. La mostra è a ingresso libero.

Info: Biblioteca civica “Francesco Poggio”, Castellazzo Bormida (AL).

+39 0131.272832 • email