result
Federica Iaccio
Leaves

“Questa è la prima volta che mi impegno nella realizzazione  di un pattern e sono felice che sia stato proprio per Italianism. Farlo non è stato così semplice, soprattutto nella fase ideativa. Inizialmente avevo pensato di duplicare digitalmente un singolo soggetto cucito ma poi ho capito che non avrebbe avuto senso.  Sapevo inoltre che sarebbe stato impossibile per me duplicare esattamente a mano un soggetto più volte. Nessun disegno sarebbe stato uguale all’altro. Allora ho sorriso e ho pensato: il mio sarà un pattern poco pattern, un pattern fatto a mano”. Così ci racconta Federica Iaccio, artista che apprezziamo molto, in grado di unire sartoria e illustrazione, disegnando con la sua macchina  da cucire modificata. 

Nelle sue parole si percepisce il suo forte punto di vista creativo: “Vedere cambiare le foglie ogni volta che iniziavo a disegnarne una nuova è stato emozionante. Mentre cucivo sembrava che si muovessero, che mutassero, che si spingessero oltre come per uscire dal foglio, imprevedibili perfino per me che le stavo creando. Quando creo con la macchina da cucire, in realtà provo a riprodurre un errore. Sono alla ricerca degli errori, ci gioco per trasformarli in qualcosa di armonico, che produca un suono piacevole. La linea pulita e ordinata è maledettamente silenziosa. Ho sempre fatto in modo di perdere il controllo e provare a lasciare le cose al caso, sono una persona fin troppo razionale. Per questo motivo utilizzo una tecnica che mi aiuta ad andare oltre, a seguire l’istinto. In questo caso ho dovuto mantenere un certo ordine, il che genera un altro tipo di complessità”.

Federica Iaccio nasce a Napoli, studia Fashion Design e successivamente Graphic Design & Art Direction. Attualmente si divide tra Milano e Londra, lavorando come graphic designer e fotografa freelance.

Ha deciso di scegliere una via di comunicazione minimalista e sempre più improntata all’anonimato; non ama mostrarsi eccessivamente e alla consueta visibilità social preferisce sostituire la forza dei suoi artwork e della sua poetica.

Queste foglie fatte di fili sono parte di un progetto in corso, attraverso il quale l’artista desidera spargerle di persona in varie parti del mondo. Dichiara di adorare l’autunno e pertanto questo potrebbe simbolicamente il momento davvero giusto per farlo.

“Prima di decidermi che il soggetto del pattern fossero le mie foglie, ho iniziato a pensare alle mani, partendo proprio dalla suggestioni con cui ho vinto il contest “Dieci Parole” dell’edizione 2016 di Italianism, un lavoro a cui tengo particolarmente. Ho provato a replicarle divertendomi a vedere come fossero totalmente diverse ogni volta che provavo a riprodurre lo stesso disegno. Mani diverse ma fatte dallo stesso filo, con la stessa tecnica. Sembra così che ogni mano abbia una sua precisa, inimitabile storia”. 

maillot de foot pas cher maillot de foot pas cher maillot de foot pas cher maillot de foot pas cher maillot de foot pas cher scarpe nike air max outlet scarpe nike air max outlet scarpe nike air max outlet scarpe nike air max outlet scarpe nike air max outlet scarpe nike air max outlet nike tn pas cher nike tn pas cher nike tn pas cher nike tn pas cher air max pas cher air max pas cher stone island outlet stone island outlet stone island outlet stone island outlet stone island outlet stone island outlet barbour paris barbour paris barbour paris barbour paris barbour paris piumini peuterey outlet piumini peuterey outlet piumini peuterey outlet piumini peuterey outlet piumini peuterey outlet canada goose pas cher canada goose pas cher canada goose pas cher canada goose pas cher canada goose pas cher canada goose pas cher woolrich outlet online piumini woolrich outlet moncler outlet online moncler outlet piumini moncler outlet moncler outlet online peuterey outlet online peuterey outlet pop canvas art mcm outlet online moose knuckles outlet